Francia: arrestati 7 ex terroristi “rossi” su richiesta dell’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Sette ex terroristi rossi, di cui alcuni appartenenti alle Brigate rosse, sono stati arrestati a Parigi, in Francia, nel corso di una operazione che vede impegnate la Direzione centrale dell’Antiterrorismo italiano e dell’Antiterrorismo francese. Altri tre ex terroristi sono tuttora ricercati: si sarebbero dati alla fuga Luigi Bergamin, Maurizio Di Marzio e Raffaele Ventura.

Il blitz è il frutto della collaborazione tra le due polizie, il Servizio di cooperazione internazionale di polizia (Scip) della Criminalpol e l’Esperto per la sicurezza della polizia italiana in Francia. I brigatisti arrestati in Francia questa mattina sono in attesa di essere presentati al giudice per la comunicazione della richiesta di estradizione da parte dell’Italia.

CHI SONO GLI EX TERRORISTI ROSSI ARRESTATI IN FRANCIA

Gli ex terroristi italiani arrestati questa mattina in Francia, nell’ambito dell’operazione “Ombre rosse”, nome dato dalle autorità francesi e italiane al dossier sugli ex terroristi italiani, sono Giovanni Alimonti, ex Br, che deve scontare una pena di 11 anni, 6 mesi e 9 giorni; Enzo Calvitti, ex Brigate Rosse, condannato a 18 anni, 7 mesi e 25 giorni; Roberta Cappelli, ex Brigate Rosse, condannata all’ergastolo; Marina Petrella, ex Br, condannata all’ergastolo; Giorgio Pietrostefani, di Lotta Continua, che deve scontare 14 anni, 2 mesi e 11 giorni; Sergio Tornaghi, ex Brigate Rosse, condannato all’ergastolo; Narciso Manenti, ex Nuclei Armati Contropotere Territoriale, condannato all’ergastolo.

CHI SONO I TRE ANCORA RICERCATI

Luigi Bergamin è tra gli ideologi dei Pac, il gruppo armato di Cesare Battisti. Ed è stato condannato per due omicidi tra cui quello del macellaio Lino Sabbadin. Per lui dovrebbe essere già scattata la prescrizione. È un ex brigatista Maurizo Di Marzio: partecipò al tentativo di sequestro del poliziotto Nicola Simone e per lui la prescrizione dovrebbe arrivare il 10 maggio.

Raffaele Ventura è stato condannato insieme ad altri 8 per l’omicidio del vice brigadiere Antonino Custra il 14 maggio del 1977 a Milano, durante una manifestazione indetta dalla sinistra extraparlamentare.

LA DECISIONE DI MACRON

La decisione di procedere all’operazione che ha portato all’arresto di 7 ex brigatisti italiani (altri 3 sono ricercati) è stata presa direttamente dal presidente francese Emmanuel Macron, secondo quanto riferito dall’Eliseo. Macron ha deciso di “trasmettere” alla procura francese i 10 nomi sulla base di domande italiane che riguardavano in origine 200 persone.

LA DOTTRINA MITTERAND

Molti ricercati (fra loro anche Cesare Battisti, poi estradato dal Brasile) si erano stabiliti in Francia da anni, usando come scudo verso la giustizia italiana il divieto di estradizione opposto in virtù della cosiddetta “dottrina Mitterand”.

Nel 1985 l’allora presidente francese aveva dichiarato che “i rifugiati italiani che hanno preso parte in azioni terroristiche prima del 1981” e “hanno rotto i legami con la macchina infernale a cui hanno partecipato, hanno iniziato una seconda fase della loro vita, si sono integrati nella società francese… Ho detto al governo italiano che erano al sicuro da qualsiasi sanzione di estradizione”.

Una dottrina poi di fatto abrogata dal 2002 quando, durante il governo di Jean-Pierre Raffarin, l’ex terrorista Paolo Persichetti venne estradato. L’anno dopo, il Consiglio di Stato francese dichiarò lo scudo politico di Mitterand privo di effetti giuridici e concesse per la prima volta l’estradizione di Cesare Battisti, che però riuscì a espatriare rifugiandosi in Sudamerica.

DA DOVE ARRIVA LA LISTA DEI NOMI

In questi anni, i diversi governi italiani non hanno rinunciato a chiedere l’estradizione dei ricercati. I dieci nomi odierni erano inclusi in una lista più ampia di 200 nomi consegnata dall’Italia al governo francese. Si tratta di ex esponenti di gruppi armati italiani, accusati di atti di terrorismo risalenti agli anni di piombo.

Il 9 aprile la ministra della Giustizia italiana Marta Cartabia, durante un incontro con l’omologo francese Eric Dupond-Moretti, aveva chiesto ufficialmente la consegna degli ex terroristi, facendo presente che per reati contestati ad alcuni di loro a maggio sarebbe intervenuta la prescrizione. Nell’elenco consegnato figurano i nomi di diversi degli arrestati di questa mattina.

“Ha una portata storica la decisione della Francia, di rimuovere ogni ostacolo al giusto corso della Giustizia per una vicenda che è stata una ferita profonda nella storia italiana, per l’alto tributo di sangue versato e per l’attacco alle Istituzioni della Repubblica. Il mio pensiero oggi va innanzitutto alle vittime degli anni di piombo e ai loro familiari, rimasti per così tanti anni in attesa di risposte.

Ringrazio le autorità francesi e in particolare il ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti, che fin dal nostro primo incontro ha mostrato una particolare sensibilità verso questa pagina drammatica del nostro Paese e una determinata volontà di collaborazione. In queste ultime settimane, c’è stato un intenso scambio di contatti a vari livelli delle Istituzioni, che hanno permesso di raggiungere questo storico risultato”. Così Marta Cartabia, dopo la decisione della Francia di avviare le procedure giudiziarie richieste dall’Italia.

“Il governo esprime soddisfazione per la decisione della Francia di avviare le procedure giudiziarie, richieste da parte italiana, nei confronti dei responsabili di gravissimi crimini di terrorismo, che hanno lasciato una ferita ancora aperta”. Lo afferma il presidente del Consiglio, Mario Draghi. “La memoria di quegli atti barbarici – prosegue il premier – è viva nella coscienza degli italiani. A nome mio e del governo, rinnovo la partecipazione al dolore dei familiari nel ricordo commosso del sacrificio delle vittime”, conclude Draghi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.