La Campania venerdì rischia di tornare in zona arancione?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
La Campania si rilassa, dopo settimane di chiusura tra zona rossa e arancione. Ma la zona gialla si è trasformata in un incontrollato afflusso verso strutture balneari, agriturismo e anche chalet sul lungomare e baretti vari. Risultato? Uno scenario non certo edificante per chi rispetta le regole anti-assembramento e soprattutto una constatazione sconcertante: tantissima gente ha riposto la mascherina e non la indossa più, soprattutto tra i giovanissimi. Il coprifuoco delle ore 22 ampiamente violato in molte zone. Lo scrive FanPage.it

Il timore è che la Campania, già con un indice di contagio Rt superiore a 1 possa passare a «rischio moderato» già la prossima settimana e dunque ripiombare in zona arancione.

Venerdì scorso la nostra regione con un RT 1.08 (1,05-0,81) non è ritornata in zona arancione per il fattore “livello di rischio” che incrocia il livello di stress delle strutture sanitarie e l’incidenza (rapporto tamponi/positivi).

La classificazione di rischio per la Campania nel monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità è rimasta «bassa» e ciò ha fatto la differenza, collocandoci in trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2, ovvero «potenziale costante crescita dell’incidenza di casi e corrispondente aumento dei tassi di ospedalizzazione e dei ricoveri in terapia intensiva relativamente lenta». Resterà così?

L’incidenza dei contagi Covid-19 dell’ultima settimana vede l’area metropolitana di Napoli in testa con 251 infetti su 100mila (i dati sono del fisico Francesco Luchetta). Dunque la sola Napoli e provincia ha una incidenza da zona rossa.

«Ho visto immagini che mi preoccupano, migliaia di persone in giro senza mascherina significa che fra due settimane andiamo in zona rossa e ci giochiamo l’estate» ha preconizzato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ieri, inaugurando l’hub vaccinale di Capodichino a Napoli.

I dati Agenas dicono che i ricoveri in Campania oggi sono in leggero aumento, così come le proiezioni a 7 giorni riportano una potenziale tendenza all’aumento dell’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in degenza (anche se al momento i livelli si mantengono sotto la soglia minima di crisi). Fra qualche giorno capiremo se la nostra  regione già da venerdì 7 maggio (con decorrenza da lunedì 10) dovrà iniziare a temere nuove chiusure per la zona arancione.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. E’ solo questione di tempo!! magari rimanessimo arancioni, di sto passo torneremmo rossi…se ci dobbiamo affidare al senso civico della gente….ancora non mi spiego che piacere c’è a scendere in macchina e farsi 4 ore di traffico per poi ritirarsi…per gli amanti delle passeggiate che fino a due anni fa andavano a comprare le sigarette in macchina a 10 metri da casa e adesso “dobbiamo uscire altrimenti stiamo male”, i corridori che non hanno mai messo una tuta in vita loro fino a un anno fa, ci può essere pure una spiegazione..ma per questi no

  2. Il problema è questo libera tutti che nn sapete contenere , ognuno deve stare almeno nella propria provincia , avete rotto sappiamo benissimo chi fa danni in giro

  3. E basta con sto terrorismo. Che poi voi stessi giornalisti state in giro e portate i figli a giocare a calcio, quindi per favore basta, che non siete credibili. Ma poi giallo, arancioni rosso, che cambia, la gente esce, fatevene una ragione, solo i ristoranti chiusi, e non è giusto, quindi, per favore, bastaaaa. Non censurate. Parlate di salernitana e soprattutto se Lotito ha venduto per andare in A, che è meglio. E poi ci stiamo vaccinando quindi bastaaaaa. Tornate a scrivere di marciapiedi sporcizia, multe, seconde file, ma basta con sto terrorismo. Grazie.

  4. Avete rotto a biasimare la gente che fa normalmente quello che deve fare: vivere!
    Se avete paura di una malattia che, al di sotto dei sessant’anni, ha un’indice di letalità simile a quello di una comune influenza stagionale, allora rinchiundetevi a casa a doppio giro di chiave, e restateci a vostro piacimento, ascoltando tutto quello che la disinformazione propaganda da un anno a questa parte

  5. Basterebbe sospendere le tasse. Poi fate che straminchia volete, rosso, rossissimo, rosso scuro

  6. I babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati sono entusiasti ed elettrizzati per questa eventualità…… Ma mi raccomando, sovrapponete più museruole possibili e non dimentichiamo la visiera paravento!
    P S
    E accendete un cero a san vicienz protettore degli appestati e dei babbeoti

  7. Non vedo il problema, riaprite in sicurezza, tutti insieme a fare la movida.

  8. Bisognerebbe far un sistema per province. Ci si muove solo nell’ambito della propria provincia

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.