Ministro Speranza: “Covid non è sconfitto, varianti pericolose. Vedasi Gb e Giappone”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dal G7 di Oxford tra i ministri della Salute, Roberto Speranza torna a Roma contento, anzi «entusiasta». Per la «grandissima sintonia» tra l’Italia di Draghi e gli Stati Uniti di Biden, per l’impegno a trovare un accordo sul green pass internazionale e per la spinta ad accelerare la campagna di vaccinazione su scala globale. «I giorni più duri sono alle spalle — è l’analisi che il ministro ha condiviso negli incontri e nei bilaterali con gli omologhi di Regno Unito, Francia, Germania, Giappone, Stati Uniti e Canada — Ma dobbiamo accelerare molto sulla vaccinazione e mantenere un atteggiamento assolutamente graduale sull’allentamento delle misure, perché la partita non è ancora chiusa.
Nelle stesse ore in cui Speranza passava da un incontro a un altro nella sede dell’università di Oxford, che ha visto la nascita del siero poi prodotto da AstraZeneca, a Palazzo Chigi il governo trovava (faticosamente) l’accordo sui posti a tavola nelle zone bianche. Questione minore, che però consente al ministro di rilanciare i punti chiave della sua strategia per contrastare il Covid-19: «Dobbiamo andare avanti con l’approccio della gradualità e riaprire le attività un passo alla volta, con fiducia e cautela, perché se corriamo troppo rischiamo di pagare un prezzo».

Anche oggi che «le cose vanno meglio», per Speranza «quella della prudenza è la strada giusta, condivisa da tutti i ministri della Salute del G7». E condivisa anche dal presidente del Consiglio Mario Draghi, che a Palazzo Chigi descrivono in «sintonia totale» con Speranza anche sulla questione dei ristoranti. I ministri, i presidenti delle Regioni e i tecnici del governo sono stati impegnati in un lungo braccio di ferro sul numero massimo di commensali. I governatori spingevano per un massimo di 8 persone allo stesso tavolo in zona bianca, ma secondo Palazzo Chigi quel numero non è mai stato preso in considerazione da Draghi, né da Speranza. Per il ministro della Salute sarebbe sbagliato deviare all’ultimo miglio, perché «purtroppo il rischio varianti non è affatto scongiurato».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.