Mosca picco di contagi da variante Delta: sindaco chiude zone tifosi agli Europei 2020

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Da giorni la Russia registra un numero sempre più alto di contagi da Sars Cov 2. Oggi i nuovi positivi sono 17.378 come ha reso noto la task force del governo che segue l’epidemia. I decessi sono stati 440. Epicentro di questa terza ondata di epidemia in Russia è la regione di Mosca, con 1.800 nuovi casi. Dove il sindaco ha deciso per l’obbligo parziale ovvero ai lavoratori del terziario e ai dipendenti pubblici della regione. E infatti, stando ai dati di Ourworldindata, in Russia che 146 milioni di abitanti le immunizzazioni sono al palo con solo il 10% della popolazione vaccinata e il 3% che ha ricevuto la prima dose. Il Brasile, 211 milioni di abitanti, dove l’epidemia si sta dimostrando feroce ha vaccinato l’11% delle persone e il 18% ha ricevuto la prima dose. Eppure la Russia è stato il primo stato ad aver approvato un vaccino nell’agosto del 2020: quello Sputnik V, commercializzato in tutto il mondo, ad eccezioni di Europa, Nord America e Australia, su cui però la comunità scientifica internazionale ha sollevato più di un dubbio.

Russia, a Mosca picco di contagi a causa della variante Delta: il sindaco chiude le zone dei tifosi agli Europei 2020
Due giorni il sindaco di Mosca Serghiei Sobyanin aveva dichiarato che l’89,3% dei nuovi casi di Covid nella capitale sono dovuti alla variante Delta. Dall’inizio dell’epidemia, in Russia si sono registrati ufficialmente 5.299.215 casi di Covid. Per far fronte a questa terza ondata che fa registrare anche un alto numero di morti proprio la regione di Mosca ha introdotto il parziale obbligo vaccinale. Sinora sempre scartato da Vladimir Putin in persona. Ma il premier Mikhail Mishustin ha fatto capire che il tempo degli indugi è finito: “La situazione nel Paese è seria, ed è colpa delle varianti“. L’ordinanza è partita dalla sezione moscovita del Rospotrebnadzor, l’autorità per la Salute russa. Il sindaco della capitale Serghei Sobyanin, che è anche il coordinatore della task-force nazionale contro il coronavirus, l’ha subita fatta propria e l’ha spiegata ai suoi concittadini. “La vaccinazione è una scelta personale se state in casa o in campagna, altrimenti diventa una questione di salute pubblica, specie nel mezzo di un’epidemia. Il quadro – ha aggiunto – sta rapidamente deteriorando”. L’obbligo, va detto, non è per tutti ma (per ora) si limita ai lavoratori del terziario e ai dipendenti pubblici della regione di Mosca. A vigilare saranno le imprese, che dovranno garantire di raggiungere almeno il 60% del personale impiegato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.