Parlò di Pietro Maso in testo canzone, Fedez indagato per diffamazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa

Il rapper Fedez è indagato a Roma con l’accusa di diffamazione aggravata nei confronti di Pietro Maso, l’uomo che ha scontato una pena ad oltre 30 anni di carcere per avere ucciso nel 1991 i suoi genitori. L’iscrizione fa seguito a una denuncia presentata dall’avvocato Alessio Pomponi, difensore di Maso, in relazione al testo della canzone “No Game-Freestyle” pubblicata da Fedez, in cui si fa riferimento alla vicenda processuale di Maso.

Maso, tornato libero nel 2015, non ha digerito un passaggio del brano, nel quale, a muso duro, il rapper milanese cita uno degli episodi di cronaca nera più atroci del nostro Paese: era il 1991 quando a Montecchia di Crosara, in provincia di Verona, con tre complici, uccise i genitori a colpi di spranga nel tentativo di impadronirsi dell’eredità.

“Flow delicato, pietre di raso, saluti a famiglia da Pietro Maso, la vita ti spranga sempre a testa alta come quando esce sangue dal naso”. “E’ richiamata in maniera esplicita la drammatica vicenda personale e processuale che mi ha visto coinvolto – scrive Maso nella denuncia – e che, a distanza di anni e di un faticoso e doloroso percorso personale sono riuscito a superare”.

Scrive ancora Maso: “Le espressioni utilizzate, riferite e riferibili in maniera chiara, diretta ed esplicita al sottoscritto, appaiono oggettivamente diffamatorie e non possono essere certamente ricondotte all’uso di immagini forti appartenenti al genere musicale o alla cifra artistica degli autori, ovvero a vicende personali assimilabili”.

Per dare corpo alle proprie istanze, Maso, nella sua denuncia, sostiene inoltre che la libertà di espressione e manifestazione del pensiero, nel caso del brano di Fedez, lede la sua onorabilità attraverso una vicenda che “ad oggi, non assume alcun interesse in termini di attualità e rilevanza storica”.

Il brano “No Game-Freestyle“, già alla sua uscita lo scorso maggio, aveva sollevato un polverone per le provocazioni e gli attacchi verbali contenuti nel suo testo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.