Sciame sismico sul Vesuvio: INGV: “Cautela, non allarmismo”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Uno sciame sismico composto da 41 scosse di terremoto è stato registrato tra il pomeriggio e la tarda serata di ieri. La magnitudo è risultata bassa, secondo quanto rilevato dalle strumentazioni in dotazione all’Osservatorio vesuviano, ma il fenomeno non è affatto da trascurare. Le scosse sismiche sono state infatti di un’intensità che va da -0,6 a 1.1 magnitudo della scala Richter.

Sono state concentrate nell’area craterica del Vesuvio, quindi non sono state percepite dalla popolazione, ha assicurato la direttrice dell’Osservatorio, Francesca Bianco, come riportato dall’Ansa. Eppure la notizia, che si è diffusa rapidamente sui social, ha messo in agitazione i residenti della cosiddetta zona rossa, cioè quella dei 18 comuni più vicini al vulcano. N

on è tutto normale, ma Bianco invita alla cautela, non all’allarmismo: «Diciamo in piena onestà che nulla è normale attorno ad un vulcano attivo». Quindi, anche se in presenza di una serie di scosse basse, «bisogna sempre prendere ogni dato con cautela».

41 SCOSSE DI TERREMOTO IN POCHE ORE

Lo sciame sismico è stato registrato per la precisione dalle 16.04 alle 23.44 di ieri nell’area craterica del Vesuvio. «Una zona soggetta, al contrario dei Campi Flegrei, a una subsidenza, cioè abbassamento», ha dichiarato la direttrice dell’Osservatorio, Francesca Bianco.

I terremoti non sono stati avvertiti dalla popolazione, inoltre non sono state evidenziate particolari anomalie. «Inoltre, sia i dati geochimici che quelli geofisici non hanno evidenziato variazioni significative. Si è trattato di uno sciame che rientra nella dinamica di un vulcano attivo come il Vesuvio e ogni cosa può permettere di studiare meglio lo stesso», ha proseguito Bianco.

A La Repubblica ha spiegato qual è la situazione complessiva legata al Vesuvio: «Negli ultimi anni stiamo osservando una situazione di insubsidenza, un abbassamento per dirla in termini non tecnici, pari a circa 5-6 centimetri dal 2012 ad oggi. Potrebbe voler dire, per le conoscenze in nostro possesso, che siamo in presenza di una massa vulcanica attiva con magma che si muove in questa direzione, visto che un magma che risale produce di norma un rigonfiamento».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.