Covid-19 meno grave nei bimbi, ma occhio ai baby malati cronici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Coronavirus in Italia sta colpendo anche i minori: sono stati confermati 6 contagi in Lombardia e uno in Veneto. Perciò risulta utile consultare gli esperti del campo, specialmente in questo momento. Sulla questione è intervenuta Susanna Esposito, presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid):

“Dai dati pubblicati finora, le manifestazioni cliniche e l’andamento dell’infezione da nuovo Coronavirus nei bambini sembrano essere meno gravi”. E anche i dati di mortalità risultano essere favorevoli poiché al momento non vi sono stati decessi in età pediatrica: “Non è noto per quale motivo avvenga, ma fino a oggi è stato osservato questo”.

Il professore ordinario di Pediatria all’università di Parma, contattato in escusiva dall’Adnkronos, ha voluto precisare: “Vale per quel 20% di bambini che soffre di patologie croniche: in queste situazioni l’allerta deve essere elevata e il controllo molto attento“. Nel nostro Paese il 20% dei più piccoli “ha una patologia cronica, come l’asma bronchiale, la fibrosi cistica, oppure una immunodepressione dovuta a cause diverse”. In tal caso “l’allerta sanitaria deve essere elevata” e bisogna lavorare per far sì che “il paziente pediatrico sia comunque ricoverato, perché non è noto quale sia il rischio di complicanze in queste categorie”.

Cosa bisogna sapere?

Esposito ha sottolineato che, da un punto di vista generale, “l’evoluzione dell’infezione nel bimbo sano è favorevole“. Le condizioni di rischio per un’evoluzione complicata “sono l’età inferiore ai 6 mesi o la presenza di una malattia sottostante: sono elementi che richiedono sempre il ricovero”; mentre i bimbi che presentano forme lievi “possono essere gestiti in isolamento a casa, con controllo attivo e quotidiani da parte dei medici”.

Uno dei fattori più importanti sarà quello di capire la durata dell’eliminazione (shedding) del virus dall’organismo dei bambini: “Di solito questo periodo di tempo per i piccoli è più lungo: per l’influenza si aggira sui 7-10 giorni e per condizioni più complesse sono necessarie anche tre settimane”.

Sorge una domanda: perché ci sono meno casi di Coronavirus rispetto a quelli di influenza? “Quest’ultima colpisce per antonomasia i più piccoli a causa della vita che fanno, una vita di comunità in cui hanno contatti con moltissimi coetanei”. Il Covid-19 a oggi è diverso: “I bambini non hanno occasione di venirne a contatto perché di certo ora non ci sono gite o viaggi in Cina”. Ma appare “logico” che nella situazione attuale “cercando nelle aeree rosse, si trovino dei casi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.