Coronavirus. Nel 2015 reportage choc TG3 dalla Cina aveva previsto tutto (Video)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
“Scienziati cinesi creano supervirus polmonare da pipistrelli e topi. Serve solo per motivi di studio ma sono tante le proteste”. È il titolo di un servizio montato come un thriller di Tgr Leonardo, andato in onda nel 2015.

Riferisce di un esperimento condotto in collaborazione fra l’Accademia delle scienze cinese e l’università della North Carolina, cui partecipò anche l’università di Wuhan. Nella città epicentro dell’attuale pandemia esiste infatti un laboratorio di massima sicurezza (classificato come P4). E non è mancato chi ha sospettato, con teorie complottistiche, che da lì sia uscito per sbaglio il coronavirus di oggi.

Coronavirus, un genoma completamente diverso

La tesi circola almeno da febbraio ed è stata smentita una settimana fa da uno studio di Nature Medicine, che dimostrava che l’attuale virus è di origine naturale, non artificiale. Non è bastato. Il video di Tg Leonardo negli ultimi due giorni si è diffuso sui nostri telefoni a ritmi rapidissimi, ed è finito sul twitter di Matteo Salvini. “Un virus naturale e uno creato in laboratorio sono perfettamente distinguibili”, smentisce Fausto Baldanti, virologo dell’università di Pavia e del Policlinico San Matteo.

“L’esperimento del 2015 è avvenuto sotto gli occhi di tutti. Il genoma di quel microrganismo è stato pubblicato per intero. E non è lo stesso del coronavirus attuale”. Del microrganismo che circola oggi abbiamo ormai sequenziato un migliaio di genomi: a circa trecento sta lavorando lo stesso Baldanti, in collaborazione con il Niguarda.

La smentita di Nature: “Covid-19 non deriva dalla prima Sars”

L’esperimento del 2015, pubblicato su Nature Medicine (primo autore Menachery, ultimo Baric), viene descritto così dal servizio del Tgr Leonardo: “Gli scienziati prendono una  proteina dai pipistrelli e la inseriscono sul virus della Sars ricavato dai topi, rendendolo capace di trasmettersi all’uomo”.

Secondo Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, “il virus attuale non deriva né dalla prima versione della Sars né tantomeno dai topi, per cui non può essere in nessun modo il virus creato nel laboratorio cinese di cui si parla nel servizio”.

Anche la rivista Nature si è affrettata mercoledì ad aggiungere a quell’articolo un commento: “Ci risulta che questa storia viene usata per far circolare teorie infondate che il nuovo coronavirus che causa Covid-19 sia stato ingegnerizzato. Non esiste evidenza che questo sia vero”.

L’importanza della sperimentazione

Ma perché fu condotto quell’esperimento? “Perché per sconfiggere il tuo nemico devi conoscerlo” spiega Baldanti. “Qualche anno fa in Olanda un gruppo prese il virus della Spagnola da alcuni cadaveri conservati per un secolo nel permafrost in Alaska. Venne modificato, aggiungendo dei frammenti di genoma che ne modulavano la virulenza.

L’obiettivo era capire come mai quella pandemia fu così micidiale, per prevenire il ripetersi di un evento simile”. Ci si interrogò molto, all’epoca (era il 2013) su cosa far prevalere: conoscenza o sicurezza.

“Ma si decise di andare avanti, rispettando standard di contenimento altissimi all’interno dei laboratori” racconta Baldanti. Il virus chimera cinese del 2015 è figlio di quella decisione, e di un esperimento simile. Il fatto che dei suoi geni conosciamo ogni dettaglio, proprio perché lo studio è stato pubblicato, ci rassicura che non ha somiglianza con il genoma del coronavirus attuale.

Fonte: LaRepubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. e la censura di regime ha già rimosso il video, nonostante sia un video pubblico trasmesso dalla tv pubblica di stato cinque anni fa.
    Dove sono i cretini e i pesci morti che urlavano contro il fascismo solo qualche mese fa per ogni idiozia??? ora siamo in prigione tutti, economia uccisa per decenni, imprese e negozi chiusi, falliti, gente che ha già persoil lavoro, siamo chiusi in casa obbligati ad ammalarci proprio in casa dove è estremamente piu probabile ammalarsi e contagiare il prossimo, censurano ogni voce dissenziente, hanno trovato miliardi per controllare chi passeggia mentre prima mancavano i soldi per la benzina della polizia quando li chiamavi per furti o rapine in casa…
    Pesci morti, dove siete?? ipocriti falsi bugiardi e conniventi della dittatura attuale. Zitti e muti, gente da 4 soldi. Una vita del genere l’avevamo solamente nel 43 in guerra con le bombe e le SS in giro.. ma i “democratici” oggi sono ciechi, mentre ieri vedevano benissimo pure l’invisibile e l’inesistente.

    Ormai non li conto più i video e i siti chiusi dal regime, ed erano tutti siti che mostravano documenti, studi scientifici e pareri di professionisti del settore medico-sanitario. Al contrario non ho MAI e dicio MAI visto il solito medicuccio sborone nazista mostrare uno straccio di documento, sa solo dire “io sono la scienza” e voi non siete nessuno, e tanti pecoroni gli vanno appresso

  2. ..ora è riapparso, qui, ma ovviamente prima non c’era e risultava rimosso su richiesta dei detentori dei diritti, e comunque è stato rimosso da altri siti.

  3. troppe coincidenze per affermare che il virus non è scappato di mano o è stato voluto.

  4. purtroppo la gente comincia a non fidarsi più neanche degli innumerevoli scienziati che oltre a contraddirsi fra loro dicono tutto ed il contrario di tutto.

  5. Mettiamo anche che sia verità quello che dicono le voci ufficiali sul corona virus, ma la mia domanda è perché il governo può decidere che sia più giusto che io muoia per depressione, a questo mi sta portando essere rinchiuso in casa, anziché per corona virus?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.