Esame choc: ragazza in videoconferenza litiga con il prof, il video è virale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
E’ bastato poco tempo perché il video di un esame universitario in videoconferenza diventasse virale. Il motivo? Nel filmato un professore di medicina sgrida la sua alunna, che dopo aver dato una risposta scorretta, gli ha chiesto di non essere mortificata. Il docente – come si legge sul sito VocediNapoli.it

non ha preso bene la reazione della ragazza e ha continuato a inveire contro di lei, così la madre dell’alunna che ha assistito alla scena, ha deciso di intervenire.

“E’ mai possibile che devo essere mortificata”

Un siparietto che per quanto paradossale potrebbe sembrare finto e invece, pare si tratterebbe davvero di un esame universitario. Dopo la risposta scorretta il professore ha sgridato la sua alunna, così lei in lacrime gli ha detto: “Professore, è mai possibile che io ogni volta devo essere mortificata?”.

Domanda che però non è piaciuta al docente, che ha rincarato la dose: “Eh figlia mia, al sesto anno parli di divisione cellulare del morto? Ma che ti devo dire? T’hannà arrestà?”. Dopo queste parole la madre della ragazza ha deciso di intervenire in difesa della figlia: “Scusate, io sono la mamma e devo intervenire. Lei sta mortificando mia figlia, ci sono modi e modi di dire. Mia figlia è esaurita, cercate di comprendere”.

Ma il docente, senza peli sulla lingua, ha risposto anche la madre: “E che dobbiamo comprendere? Deve andare a curare la gente, che dobbiamo comprendere? Li ammazza!”. Il video poi continua con la signora che spiega al professore di essere un medico e lo invita ad avere un atteggiamento diverso con gli studenti.

Quando il prof ha chiesto di proseguire l’esame, la madre della ragazza ha lasciato intendere che si sarebbe rivolta al rettore. Non si conosce l’Università di cui fanno parte docente ed alunna, ma a giudicare dall’accento di entrambi dovrebbe essere in Campania. Un dialogo tra docente ed alunno che se fosse avvenuto in presenza probabilmente non avrebbe avuto tutto questo clamore.

FonteVocediNapoli.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Subito si offendono le poverine. Ma fatemi il piacere poi quando nelle corsie ammazzano la gente che dire? La figlia è esaurita figuriamoci chi arriva malato in ospedale, se così fosse allora non può fare questo mestiere dove si è continuamente sotto stress. La scelta è stata fatta se mai solo perchè anche la mamma come scrivete è medico per cui ovviamente STRADA ASFALTATA.

  2. Il Prof poteva semplicemente bocciarla, con educazione e rispetto, una virtù evidentemente non trasmessa dalla cultura e dalla lettura di tanti libri.
    Vedi anche il caso del Prof. Gozzini a proposito della On.Meloni.

  3. L’esamificio deve cessare!!! I professori il più delle volte sono incapaci di insegnare e sottolineo “insegnare”. La competenza in materia non vuole dire capacità di saper trasmettere il sapere, l’insegnamento. La didattica deve DEVE essere sostituita da video lezioni che lo studente vede e rivede. Seguito da chat e forum tra studenti. L’esame deve consistere in elaborati o test: I professori sono persone suscettibili ad emozioni umane derivate da personalità, stress, arroganza, maldisposizione, superbia intelletuale, bullismo professionale!! Il professore deve mantenere un atteggiamento quanto più imparziale fare notare le manchevolezze e le lacune dell’esaminando mantenedo sempre un atteggiamento corretto e non lasciarsi andare all’emotività. Tutto cesserà con l’avvento della A I. Fonte, esperienza universitaria.

  4. In tutta onestà, a me pare di capire che la ragazza abbia preso uno sfondone grandissimo: il professore va in escandescenze, forse perché sono ore che sente altre persone al medesimo livello o proprio perché lo sfondone è talmente grosso che non riesce a trattenersi.

    x Anonimo: tu confondi l’università con un corso su cd-rom di taglio e cucito, altro che AI. Ci sono stati prof. eccellenti del passato, es. geni della matematica, che davano facilmente in escandescenze, ma oggi quando senti il nome di uno di questi ti metti sull’attenti, altro che “superbia” e “bullismo”; ma che volete, il cocco mondato e buono?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.