“Ahi serva Italia, di dolore ostello”: riflessioni attuali sul canto VI del Purgatorio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Può dirsi che oggi il Canto VI del Purgatorio non è tra quelli più noti della Divina Commedia, ma nel periodo “risorgimentale” molti furono gli scrittori, tra cui Ugo Foscolo, Francesco De Sanctis e Giosuè Carducci, che ebbero ad enfatizzare aspetti che, pur non presenti nel pensiero dantesco, finivano per riguardare l’ “idea” della “nazione italiana”, come discendenza della gloriosa Roma e della lingua ove il “sì suona”.

Il “giardin de lo’ imperio”, nell’Italia evocata da Virgilio e da Lucano, i maggiori modelli epici seguiti dal Poeta, o la “donna di provincie”, ovvero la “signora dei territori” già governati dai romani, era ormai ridotta “a bordello” , a “serva” e “schiava”, senza guida alcuna.

Come non vedere in quel contesto poetico, l’Italia di oggi, consegnata ai tanti “governatori”, che, alla luce di una scellerata riforma dell’art. 117 della Costituzione, attributiva di incerte competenze alle regioni, intendono sostituirsi allo Stato, pur nel contesto di una pandemia così grave e produttiva di effetti dirompenti sul tessuto sociale del Paese e sulla sua economia. In ciò rinvengo la stessa “tirannide”, espressione  che ora acquista ben diverso significato nelle dinamiche del capitalismo finanziario o nelle pieghe del totalitarismo sanitario delle multinazionali farmaceutiche, e che nel profetismo dantesco aveva ispirato l’invettiva del Poeta.

L’espressione retorica finisce per porre anche nel nostro presente precisi interrogativi su quali siano i fondamenti su cui una nazione moderna si regge per rispettare tutte le sue varie componenti, le tradizioni locali e le stesse varietà linguistiche o le potenzialità socio-economiche dei territori.

Così da consentire di evocare la metafora della “nave sanza nocchiere in gran tempesta” (77); anche se oggi abbiamo il nocchiere ma non l’equipaggio, arruolato dagli italiani in modo confuso e senza criterio.

Mai, come in questo momento, la matericità del “ghibellin fuggiasco”, per utilizzare la felice espressione di Ugo Foscolo, ha finito per acquisire un ruolo nella riflessione dei moderni, pur nella consapevolezza della peculiarità del pensiero di Dante, rappresentativo di molte caratteristiche, a volte retoriche, che connotano il dato compositivo e stilistico della Divina Commedia.

Con questo non intendo arruolarmi nella ciurma dell’a-storicismo populista, che trova le proprie origini proprio nella crassa ignoranza della storia (dato ormai caratterizzante la nostra società), e che sta contribuendo a paralizzare ideologicamente l’ intero Occidente.

Non può sfuggire neppure l’attualità di quel “verso di te, che fai tanto sottili/provvedimenti, ch’a mezzo novembre/non giunge quel tu d’ottobre fili” (141-144), oggi riferibile ad una normativa episodica e schizofrenica che caratterizza il nostro legislatore,  che nel volgere di pochi giorni muta norme, prescrizioni, vincolanti anziché no, e colori di diversa intensità cromatica su cui misurare il destino di uomini e di imprese.

“Quante volte, del tempo che rimebre,/legge, moneta, officio e costume/hai tu mutato, e rinnovate membre !” (144-147): sì che anche oggi la politica è simile al gioco della zara (da zahr, termine arabo per “dado”), posto non a caso all’apertura del Canto, che richiama l’azzardo che sembra caratterizzare il convulso gettar del tratto che si riscontra in molte scelte, ispirate più dal caso che dalla consapevolezza cognitiva.

Le allegorie, con la loro valenza moral-comportamentale, finiscono per sfuggire all’ intrinseco elemento poetico, per offrire, anche in questo tempo, una chiave di lettura del “moderno”. E, forse, proprio in questo risiede il grande valore della poesia.

Giuseppe Fauceglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Belle e giuste le sue considerazioni fondate sui versi di Dante, un gigante che a distanza di tanti secoli, seppe cristallizzare nei suoi versi i vizi della nostra Nazione, rimasti intatti e perfettamente conservati fino ad oggi. Evidentemente i lati negativi del carattere di questo popolo, in chi li ha poi rappresentati nello Stato nel corso dei secoli, non è stato capace o ha voluto correggere, come se non possedesse alcuna memoria del passato, per voltare pagina, riformarsi e farne un Paese moderno, giusto, autorevole e competitivo, ricreare uno spirito patrio capace di concordia e sviluppo verso il bene comune. Infatti la rappresentazione dello stivale multicolore con le sue “zone” colorate, ( io l’ho definita, ricordando Barcellona, “ La manzana della discordia”), rappresenta pari pari l’immagine dell’Italia al tempo di Dante con i suoi regni, signorie, feudi e principati, non siamo stati come disse il D’Azeglio “ fatta l’Italia bisogna fare gli Italiani”. Ma il bene comune qui è pura utopia, furbetti saltafila , giudici corrotti, politici corrotti, bilancio dello stato usato come bancomat per fare i propri interessi, evasori a tutti i livelli, disorganizzazione generale , responsabilità inaccertabili e insanzionabili, giustizia negata e processi farsa, coacervo di competenze, improduttività e dolo di dipendenti pubblici, e via dicendo, cose leggibili ogni giorno, nessuno escluso sui giornali. Aggiungiamoci la confusione di ruoli tra stato e regioni in materia sanitaria, anche di fronte a un evento pandemico, che fa dei cittadini, vittime. Qui prodest?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.