Bonus spesa 2021, come funziona il contributo natalizio per famiglie in difficoltà

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La chiave Bonus Natale 2021 è tra le più cliccate sui motori di ricerca negli ultimi giorni. In realtà, uno specifico contributo natalizio finanziato dallo Stato non esiste: non è altro che il bonus spesa 2021, varato dal governo di Mario Draghi con il decreto legge Ristori e rifinanziato col decreto legge Sostegni-bis del maggio 2021. L’esecutivo ha stanziato 500 milioni di euro per l’aiuto alle famiglie in difficoltà, ma la particolarità di questo bonus è che sono i singoli comuni italiani a elargire i fondi.

Bonus spesa 2021: Bologna la più generosa

Purtroppo non tutte le amministrazioni locali hanno predisposto i bandi di concorso. Per capire se il proprio comune di residenza ha attivato il bonus spesa, è necessario consultare la pagina istituzionale del comune. Nella sezione Avvisi, sono pubblicati tutti gli aggiornamenti in materia.

I requisiti per l’accesso al bonus variano da comune a comune. Il contributo è destinato esclusivamente all’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità:

  • cibo e alimenti (alcolci esclusi)
  • prodotti per bambini lattanti
  • prodotti per l’igiene o per la casa
  • farmaci

L’importo varia in base al numero di componenti del nucleo familiare e al reddito ISEE indicato nella fase di presentazione della domanda. Il range va da 50 a 700 euro, a seconda dei comuni.

Il contributo più generoso è quello dell’amministrazione di Bologna: il massimo accumulabile di buoni spesa è pari a 1200 euro. Il taglio dei buoni è di 25 euro ciascuno e il valore complessivo di ogni assegnazione varia a seconda del nucleo familiare:

  • una persona: 150 euro
  • due persone: 250 euro
  • tre persone: 350 euro
  • quattro persone: 400 euro
  • cinque persone: 500 euro
  • sei persone e oltre: 600 euro

Alcune città hanno già avviato le procedure per riaprire i termini del bonus spesa, come Roma Torino. A Napoli, invece, le agevolazioni non sono ancora partite, ma Palazzo San Giacomo ci sta lavorando in vista delle festività.

Bonus Natale, domanda online: occhio al dettaglio

L’unico elemento condiviso tra i comuni d’Italia è il limite di spesa. Una volta raggiunto l’esaurimento dei fondi, la distribuzione dei bonus verrà sospesa.

Tra i requisiti di accesso, il criterio più importante è il reddito, anche se in alcuni comuni si può richiedere l’agevolazione senza ISEE. In altri comuni l’ISEE deve essere inferiore agli 8mila euro per ottenere il supporto.

L’importante è ricordare sempre che si tratta del bonus spesa e non del bonus Natale, che con questa dicitura non è riportato sui portali delle amministrazioni locali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.