Salute: esiste una connessione tra il troppo zucchero e l’Alzheimer

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
L’insorgenza e lo sviluppo di una delle malattie degenerative più terribili, l’Alzheimer, potrebbe essere in connessione con l’eccesso di zucchero. Ad evidenziarlo, un recentissimo studio dei ricercatori dello statunitense National Institute on Aging (NIA), una divisione dell’NIH (National Institutes of Health, in italiano Istituto Nazionale della Salute), che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti, associazione che, tra le molteplici sue attività, da anni si occupa anche della divulgazione delle più significative scoperte in campo scientifico e medico, ritiene utile far conoscere per le implicazioni che potrebbe avere nella cura di questa patologia.

Gli scienziati, che hanno confrontato i cervelli post-mortem di pazienti deceduti con tale malattia e soggetti deceduti senza demenza hanno sottolineato le evidenti differenze del tessuto cerebrale tra chi è stato colpito dall’Alzheimer, che risulta ben diverso e modificato dall’eccessiva presenza di glucosio rispetto a coloro che non ne erano affetti. Nel dettaglio, i pazienti colpiti da Alzheimer presentavano un eccesso di zucchero nelle zone colpite dalla malattia in quanto non riuscivano a portare a termine il processo di glicolisi.

In buona sostanza, chi è affetto da questa patologia ha maggiori difficoltà a trasformare il glucosio in energia. Gli studiosi hanno notato che il processo di glicolisi è maggiormente compromesso quando il disturbo è già in stato avanzato. Come evidenziato dal dottor Madhav Thambisetty, tra gli autori della ricerca, i risultati ottenuti sono molto importanti perché portano ad analizzare un nuovo meccanismo – ovvero la glicolisi – come possibile bersaglio di nuove terapie anti Alzheimer.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. che bufala esagerata , la mia adorata mamma prendeva il caffè amaro o con dolcificante , dolci : poco o niente e alla fine se ne è andata a causa di questa maledetta ,malattia.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.