Addio agli 80 euro per coprire la flat tax. Salvini: «Lo riformuleremo»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Le spese dello ‘choc fiscale’ potrebbero essere coperte con un intervento sugli 80 euro, misura voluta dal governo Renzi qualche anno fa e che il governo Conte potrebbe eliminare o modificare: ad annunciarlo è il sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri, consigliere economico e braccio destro del vicepremier leghista Matteo Salvini, che in un’intervista al Sole 24 Ore afferma che la flat tax con aliquota Irepf al 15% per i nuclei familiari con redditi fino a 50mila euro rappresenta «un taglio fiscale di 14,5 miliardi sui redditi del 2020 che lo Stato dovrà coprire.

In pratica è lo stesso costo che abbiamo messo a bilancio per finanziare il reddito di cittadinanza e quota 100».

Quanto al taglio dell’Ires «costa dai 6 agli 8 miliardi all’ anno. In tutto, con la flat tax per le famiglie, ci serviranno 20 miliardi circa, 1,2% del Pil». Su come reperire queste risorse – aggiunge – «stiamo facendo tutte le verifiche» e uno dei possibili interventi potrebbe essere proprio sugli ’80 euro di Renzi’: «Non vogliamo togliere ciò che è acquisito soprattutto per chi ha redditi più bassi. Ma non è escluso che lo riformuleremo». Per convincere l’Europa, poi, annuncia Siri, «chiederemo una maggiore flessibilità, ma non a tempo indeterminato. Ci servirà per un periodo che va dai 3 ai 5 anni per poi rientrare negli obiettivi che ci sono stati fissati». 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. 20 mld all’anno Con l’economia che frena! Lo sanno che siamo entrati in recessione?! Vorrei ricordare a questi guro che a novembre seviranno 20 mld e più per evitare l’aumento dell’Iva previsto dal le clausole di salvaguardia e 15 mld per far fonte al deficit già concessoci dall’Europa. In questa situazione di congiuntura economica negativa dov’è li trovate oltre 50 mld? L’assistenzialismo (redd. Di cittadinanza) non produce effetti positivi per l’economia ( forse lo 0,05 del Pil) . Ma andate a casa che fate più bella figura! A dimenticavo che però i porti restano chiusi perché l’emergenza sono 4 poveracci che arrivano su di un barcone senza renderci conto che i Cinesi, che arrivano in aereo, hanno acquistato mezza Italia!!!

  2. altra porcata di questo misero governo, che dovrebbe essere alla frutta.
    sono inesperti ed arroganti, i grillini dove mettono mano procurano danni irreparabili, ma come si fa a votarli, sono in campagna elettorale perenne, pensano solo alle poltrone, gli italiani per loro non esistono.VERGOGNATEVI!!!!! ora è di nuovo sceso in campo il comico miliardario, ma non cela farà a frenare la perdita di voti del misero movimento, grazie a di maio e di battista è in caduta libera, dovranno emigrare ed andare in francia a dare una mano alle frange estremiste dei gilet gialli, in italia per loro lo spazio si è ristretto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.